9 momenti di Pretty Woman che riviviamo quotidianamente

Pretty Woman compie 25 anni, ma non ce ne siamo quasi resi conto, forse anche per il fatto che Julia Roberts continua ad essere splendida e Richard Gere ha ancora i capelli bianchi come allora e tutto il suo fascino…
Pretty Woman è uno di quei film che entrano nell’immaginario colletivo e vi restano inamovibili nonostante il passare del tempo.

pretty Woman

E’ un po’ la storia di Cenerentola, ma con più realismo e meno disillusioni; Pretty Woman è quello che 50 Sfumature di grigio sognava di essere, passionale e sensuale, ma senza cadere nel triviale gridando alla trasgressione.
No, non sto esagerando, perché Pretty Woman è il risultato di un giusto mix, come una ricetta non raffinatissima ma ben bilanciata: la coppia Julia Roberts e Richard Gere funziona benissimo, il film alterna momenti un po’ più drammatici a scene comiche, alcuni personaggi secondari riescono a conquistarci diventando tutt’altro che secondari (vogliamo parlare del simpatico direttore d’albergo che si comporta da Cupido della situazione?) e la colonna sonora è qualcosa di inconfondibile.

Non è un film memorabile, ma alcuni suoi momenti lo sono: saranno passati 25 anni, ma, di fatto, ci sono scene di Pretty Woman che riviviamo ogni giorno.

1.La camminata aggressiva sui tacchi giphy
Prima di Beyoncé con la sua falcata micidiale c’è stata Julia Roberts con i suoi stivali lucidi e ascellari. E noi ci sentiamo così quando affrontiamo la serata su un paio di scarpe nuove. Salvo poi pentircene dopo circa 15 minuti…

2. Cantare nella vasca da bagno

magical-musical-moment
C’è bisogno di dire altro? Solo che adesso i walkman sono fuori produzione e possiamo cantare qualunque cosa (tranne le canzoni di Taylor Swift) grazie a Spotify

3. Lo shopping “spudorato”

Camminiamo per le vetrine e facciamo shopping e nella nostra mente parte la canzone “Pretty Woman…walking down the street..”. E ci sentiamo subito su Rodeo Drive anche se ci troviamo nel posto meno posh del mondo, camminando cariche di sacchetti che riusciamo a malapena a sorreggere. Ma sorridiamo.

4. La rivincita delle rivincite

iconic-Rodeo-Drive-win
“Lavora a percentuale?”
“Sì”
Bello sbaglio. Bello. Enorme.
Fatti da sventolare in faccia dopo un torto o un commento di troppo. La soddisfazione di una vita.

5. Accantonare il lavoro, cancellare gli impegni, spegnere il cellulare e dedicarsi ad un picnic nel parco, leggendo e rilassandosi. Così, solo perché ci va.

6. Cenerentola, quella…ragazza fortunatissima!

Abbiamo parlato tanto di Cenerentola in questo periodo per via dell’uscita dell’ultimo live-action della Disney. Lo sappiamo in fondo che la morale della fiaba è (anche) che un paio di scarpe può cambiarti la vita, no?
Oltre a questo, succede sempre di avere un’amica che ascolti i tuoi deliri e riaccenda le tue speranze con esempi assurdi pur di rassicurarti e tirarti un po’ su.

7. Quel vestito e quello sguardo

Uscire e vedere quello sguardo e quel sorriso sul volto della persona davanti a noi.
E poi quel vestito è ancora bellissimo, 25 anni dopo, quindi mi serviva comunque un pretesto per riproporre questa scena.

8. It must have been love

Il finale in macchina, pensieri tristi che si mischiano con la pioggia, il cielo grigio e It must have been love in sottofondo. Mi sono sentita così parecchie volte, prendendo da sola un aereo o accompagnando qualcuno in aeroporto. Per fortuna nella maggior parte dei casi, poi, c’è la schiarita. 

9. Il lieto fine

Finally-knight-shining-armour-crazy-beautiful-bouncy-hair

Lui che salva lei, lei che salva lui, dice il finale. Ma la cosa più bella secondo me resta che qualcuno sia disposto a superare le proprie paure pur di stare con te, fosse anche la paura di salira su una scala antincendio.
Ah, ripenso sempre anche ai capelli di lei ogni volta che mi vengono dei capelli troppo voluminosi. Bouncy hair da sogno. 

 

,
2 comments on “9 momenti di Pretty Woman che riviviamo quotidianamente
  1. Pingback: Organizza il tuo matrimonio: 5 passi per iniziare – CoSì lo voglio!

Rispondi