Beatrice Borromeo e Pierre Casiraghi sposi: un matrimonio boho-chic

Atmosfera rilassata ed elegante per le nozze di Beatrice Borromeo e Pierre Casiraghi: cerimonia civile tenutasi nel Palazzo reale e seguita da un picnic in giardino.

beatrice borromeo pierre casiraghi nozze wedding

Clima informale e poco ingessato. La mattina della cerimonia la madre della sposa ha festeggiato l’evento con una colazione in terrazza con gli amici più intimi e i parenti all’hotel Fairmont.
La cerimonia si è svolta poi intorno alle 12 ed è stata seguita da un tradizionale picnic monegasco in giardino, fortemente voluto da Pierre Casiraghi, con musica, finger food e un gruppo folk locale. Non so perché ma mi immagino un’atmosfera gioiosa e rilassata in giardino tra chiacchiere sotto il sole come quella dei Dejeuner sur l’herbe di Monet o Renoir.

beatrice borromeo wedding group photo - Copy

Il tono informale della festa ha influenzato molto l’abito della sposa: un vestito Valentino Haute Couture, realizzato da Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli, di linea scivolata sui toni del rosa pallido e con ricami in pizzo dorato. Il bouquet semplice con fiori di campo e spighe e sui capelli, lasciati sciolti sulle spalle, una coroncina di fiori.

11313342_646649152103873_534254166_n - Copy

(non sono bellissimi?) Beatrice borromeo valentino wedding dress - Copy

 

Dopo la cerimonia la sposa ha indossato un abito tradizionale monegasco, per poi cambiarsi nuovamente per l’esclusiva ed elegantissima festa danzante serale al Jimmy’z. Tutte le invitate in abito lungo, mentre la sposa ha sfoggiato un’altra creazione Valentino Haute Couture sui toni del bianco ed azzurro, con gonna voluminosa, senza maniche e che lasciava scoperta la schiena.

La cerimonia religiosa, più intima e raccolta, si terrà l’1 Agosto nell’isola di proprietà della famiglia Borromeo sul lago Maggiore, a cui seguiranno i festeggiamenti presso la Rocca di Angera.
Tirando le somme: un matrimonio, 2 cerimonie, tante feste e almeno 5 abiti da sogno. Aspettiamo le foto della seconda cerimonia, dunque!

,

Rispondi