Foodies e Instagram: il cibo che va di moda e qualche tip per fotografarlo al meglio

Basta aprire Instagram e scorrere un po’ lo stream per imbattersi in ogni sorta di cibo esistente al mondo.
I foodies hanno conquistato Instagram (o è stato Instagram a conquistare loro? Anyway…) a colpi di hashtag come #nom #foodgasm o #foodporn, ma le reazioni sono miste e contrastanti.

meme Instagram food

Le categorie di cibo e foto condivise sui social sono principalmente due: pasti decadent, peccaminosi, preparati da chef stellati o in ristoranti alla moda, con un livello di calorie considerevole, invitantissimi, contrapposti a cibo healthy, colazioni, snack e merende salutari, con verdure, frutta fresca e secca, alto contenuto di fibre e vitamine e perfetti per chi è a dieta o attento alla linea.

Perché?

Perché siamo alla ricerca della “social proof” e affidiamo al cibo il compito di rappresentarci, al pari di quanto facciamo col nostro aspetto e i nostri outfit e mettiamo lì fuori, alla vista di tutti, ciò che mangiamo per renderne partecipi gli altri. Condividendo gourmet burger, brownies o lauti pasti trasmettiamo il nostro lato più divertente, ribelle, che ama godersi la vita e violare talvolta le regole; chi invece pubblica foto di colazioni ricche di fibre, insalate e cibo salutista si propone agli altri come una persona in controllo di sé e del suo corpo. 
Chi si trova dalla stessa parte della barricata si supporterà a colpi di like e commenti, chi si incrocerà con uno della “fazione” opposta non potrà che non approvare e sentirsi infastidito da uno stile di vita diverso dal proprio.

dbad0ad4111ce52927529579148805d0

Foodies e Instagram: pro e contro

La cosa positiva è che grazie ad Instagram veniamo a contatto con tutto il mondo: si aprono davanti ai nostri occhi nuovi orizzonti culinari e nuovi stili di vita e possiamo trovare ispirazioni internazionali e senza confini per i nostri pasti (ipercalorici o salutari, a noi la scelta).

È necessario però porre un limite all’ossessione per il cibo da fotografare. Se mangiamo insieme agli altri il nostro alzarci o sistemare il piatto alla ricerca della luce ed angolazione perfetta potrebbe disturbarli. In medio stat virtus, sempre.
Non a caso alcuni ristoranti vietano di fotografare le pietanze servite o quantomeno l’uso del flash che disturberebbe gli altri clienti ai tavoli vicini: è un approccio estremo e completamente opposto a quello della maggior parte dei locali e ristoranti che invece incoraggiano i propri clienti a condividere la propria esperienza sui social, magari invitandoli ad usare il proprio hashtag ufficiale. Pubblicità a costo zero!

Se Instagram non vi basta, ci sono poi anche i social esclusivamente per foodies: il più noto è FoodSpotting, seguito da SnapDish e Burpple, molto amati in Asia.

Come fotografare il tuo pranzo

1. Scegli la luce
Le foto chiare e luminose hanno sempre più successo di quelle scure su Instagram. Anche per il cibo vale la stessa regola, quindi scegli bene la luce, meglio se naturale e diffusa.

http://instagram.com/p/1-AFHSLhaK/?taken-by=cm.hirsch

2. Colori vibranti 
I colori accesi e vibranti attirano molto l’attenzione, purché non sembrino troppo alterati e “finti”.

3. #nofilter is the way
Quando la luce è giusta i colori saranno già perfetti e non ci sarà bisogno di alcun filtro. In ogni caso meglio non esagerare con filtri troppo pesanti o che ingialliscano troppo le tonalità naturali del cibo.

http://instagram.com/p/2BNEU-sX0d/?taken-by=joelgs30

4. Dall’alto
Gli smartphone non hanno la stessa precisione di una fotocamera professionale, quindi la cosa che funziona più di un’inquadratura angolata è la classica foto dall’alto, soprattutto per i dolci o foto di tavole imbandite e con più coperti.

Art.

A photo posted by Ruba (@queenruba) on

5. Contestualizza
Come un personaggio in una storia anche un piatto va contestualizzato sulla tavola in cui si trova o tra gli ingredienti usati per prepararlo (ad esempio nel caso di un’insalata con bacche di Goji qualche bacca qua e là sul tavolo intorno al piatto…). Largo dunque a dettagli della tovaglia, qualche bicchiere, dei giornali che stiamo leggendo mentre mangiamo, elementi che raccontino come e dove stiamo consumando il nostro pasto.

6. Nel dubbio, fotografa una torta!
Torte, dessert e cupcake sono i gattini del mondo gastronomico: irresistibili calamite di like!

http://instagram.com/p/12OgC7DwuC/?taken-by=chiarapassion

 

,

Rispondi