I momenti più femministi degli Oscar 2015

Degli Oscar si ricordano i premiati e gli sconfitti, i look da red carpet, i selfie e i photobombing, ma degli Oscar 2015 ricorderemo soprattutto alcuni momenti molto femministi, grazie alle attrici nominate che hanno, con molta intelligenza e determinazione, approfittato del momento di visibilità degli Oscar sui social e su ogni media per affrontare la questione femminile e dare il loro contributo ad essa.

Quindi, quali sono stati i momenti più femministi agli Oscar 2015?

1. #AskHerMore

Iniziamo con #AskHerMore, l’hashtag pubblicizzato da Reese Witherspoon su Instagram qualche giorno prima degli Oscar e legato ad un movimento, omonimo, che si rivolgeva ai reporter e ai commentatori sul red carpet invitandoli a chiedere alle attrici qualcosa in più del solito “Who are you wearing tonight?”.

Di solito, infatti, agli attori vengono rivolte delle domande sull’ultimo ruolo ricoperto e sui film in gara, mentre alle attrici vengono chiesti SOLO i dettagli del loro look dalle scarpe all’abito passando per i gioielli. Reese Witherspoon ha detto di essere contenta di indossare abiti stupendi sul red carpet e di rispondere volentieri alle domande su look e stilisti, ma solo dopo qualche domanda più significativa e di contenuto.

Da Reese Witherspoon l’hashtag si è così diffuso su twitter e facebook con altre celebrities entusiaste dell’idea:

2. Le risposte delle attrici
I reporter si sono comportati piuttosto bene e, in risposta all’hashtag #AskHerMore, hanno fatto delle domande molto interessanti. L’inviato di BuzzFeed, in particolare, ha chiesto alle attrici di dare un consiglio alle giovani donne all’ascolto. Il risultato è un video “motivational” molto interessante con risposte davvero inspiring (in particolare Ava Duvernay, la regista di Selma).

3. Il discorso di ringraziamento di Patricia Arquette

Patricia Arquette riceve il premio come Miglior Attrice non protagonista per Boyhood e pronuncia uno splendido discorso di ringraziamento che termina con un appello a tutte le donne ad unirsi per combattere per diritto alla parità di retribuzione rispetto agli uomini.

4. La reazione di Meryl Streep e Jennifer Lopez

Mentre Patricia Arquette finiva il suo discorso, Meryl Streep e JLo, in prima fila, applaudivano asaltate facendo il tifo, gridando e gesticolando come ad una finale dei Mondiali di calcio (o forse il Superbowl, è più adatto).
Patricia, ti sei meritata il supporto di una crew d’eccezione!

,

Rispondi