Le sette meraviglie di (Vogue) America

Siamo ancora in fase post-fashion week. Già in astinenza. Siamo nei giorni che precedono la festa della donna. Binomio perfetto.
Ma se parliamo di moda il principale sinonimo è Vogue. E se parliamo di Vogue non possiamo che parlare di Vogue America.

vogue america

Una pietra miliare, un mensile dedicato alla moda che ha fatto la storia della moda, il magazine che, prima di tutti, ha anticipato le tendenze e ne ha raccolto, al tempo stesso, tutti i minimi dettagli, quasi come un’enciclopedia che va avanti dal 1892, inarrestabile. Oltre 100 anni di glorioso percorso pilotato magistralmente da 7 donne, che si sono cedute il testimone per mantenere la rivista in quell’olimpo, olimpo dorato, a cui né Italia né Francia sono mai riusciti ad arrivare.

Quindi se parliamo di donne il cui lavoro è entrato nella storia, non possiamo che parlare di loro. E quelle sette, tutte donne, direttrici di Vogue America hanno fatto a loro volta la storia della moda, percorrendo e istruendo coloro a cui la moda scorreva nelle vene. Da semplici comparse, il loro ruolo pian piano divenne quasi da regista, tirandp le fila della moda, scegliendo per il loro pubblico ciò che era di tendenza e cosa non lo fosse, e tutto questo avviene ancora oggi. Avviene per straordinaria magia.
Josephine Redding, Marie Harrison, Edna Woolman Chase, Jessica Daves, Diane Vreeland, Grace Mirabella e Anna Wintour, le sette meraviglie.

“Se Miranda fosse un uomo nessuno la vedrebbe come la vedono, direbbero solo come è in gamba sul suo lavoro.” ( Il diavolo veste Prada )

Copertina-di-Vogue-US-del-5-luglio-1900-illustrazione-di-Beatrice-Stevens-Vogue-©-Condé-Nast

Josephine Redding

Copertina-di-Vogue-US-del-18-marzo-1909-illustrazione-di-Allen-St.-Jones-Vogue-©-Condé-Nast

Marie Harrison

Woman in swim suit and bathing cap holding beach ball with her feet

Edna Woolman Chase

a7e0590fa40a7773be05f760fab9713d

Jessica Daves

1967-twiggy-is-vogue

Diane Vreeland

1974-Aug-American

Grace Mirabella

fashion_scans_remastered-cate_blanchett-vogue_usa-january_2014-scanned_by_vampirehorde-hq-1

Anna Wintour

Rispondi