Movember: i baffi, il loro mese di popolarità e la concorrenza della barba

Novembre, da circa 11 anni a questa parte, è diventato il mese dei baffi – Movember, appunto – grazie all’iniziativa di origine australiana che ha l’intento di raccogliere fondi per la ricerca sul cancro alla prostata facendosi crescere i baffi durante tutto il mese di Novembre.

Non è raro dunque vedere dei baffi in giro in questo mese, ma…dureranno?
Riusciranno a diventare diffusi e hipster come la barba negli ultimi anni? E se no, perché?

La barba è stata la big thing di questi anni e a volte la cosa è pure scappata un po’ di mano (come è successo col trend delle barbe-giardino o delle barbe fiorite); i baffi invece continuano ad essere una cosa un po’ bistrattata, per pochi -davvero- hipster, molto elitaria e dall’aria vintage.

Sono molte le celebrities che negli anni hanno provato questo look: Brad Pitt, James Franco, George Clooney, Daniel Craig, Jude Law e David Beckham sono solo alcuni dei VIP la cui immagine e il cui fascino non sono stati scalfiti, anzi!, dalla crescita tricotica sul labbro superiore. Altri, come Leonardo Di Caprio o Johnny Depp, abbinano sempre ai baffi anche il pizzetto.

moustache movember attori

La barba è uniforme da far crescere, a bassa manutenzione e mantiene al caldo viso e collo, i baffi, invece non hanno nessuna di queste caratteristiche: richiedono una costante manutenzione e attenzione, non servono a molto, invecchiano o comunque donano qualche anno in più (sono l’equivalente del rossetto scuro per le donne) e focalizzano l’attenzione sul viso e sui lineamenti di mento e mandibola. Ci vuole costanza, cura da un lato, e sicurezza in sé e nel proprio aspetto dall’altro.

In più, i baffi non stanno bene a tutti. Un esempio per tutti? Questo:

Justin-Bieber-Mustache-photos-facial-hair-cannes-monaco7_2014-05-23_22-23-23-573x430

Tutti abbiamo visto foto di famiglia, risalenti agli anni ’70 e ai primi ’80, in cui nessun uomo era privo di baffo. L’aspetto un po’ antico e datato dei baffi è forse una delle cause della loro scarsa popolarità tra le giovani generazioni. In aggiunta a questo, alcuni dei personaggi del passato a cui i baffi sono inscindibilmente abbinati, come Hitler, non sono proprio delle figure positive…

Ma, vogliamo contestare il fascino irresistibile di Clark Gable, col suo baffetto, mentre guarda Rossella e le dice: “Francamente, mia cara, me ne infischio.”?

tumblr_lyejaiLetr1qa7bt6o1_500

L’unica speranza per i baffi, oltre a Movember, sono gli hipster, quelli veri, come quelli che affollano i barbieri di Spitalfields o quelli le cui foto popolano tumblr e Pinterest.

hipster moustache movember

Infine, concludiamo in tema con “If you’ve only got a moustache”, che fa parte della colonna sonora del film “A million ways to die in the west”. L’ho visto proprio l’altro giorno: il bravissimo Neil Patrick Harris balla a canta interpretando il proprietario di una Moustachery, uno shop con barbiere e tutto il necessario per curare barba e baffi.

 

,

Rispondi