MovieSista / I quarant’anni di Barry Lyndon

Classe 1975, quattro premi Oscar e due nomination ai Golden Globe, per dirne solo un paio..

Parliamo proprio di Barry Lyndon, film storico/drammatico del maestro Kubrick, che quest’anno compie ben quarant’anni. Per l’occasione, la Cineteca di Bologna lo ha inserito nel suo annuale progetto “Il Cinema Ritrovato” e ne ha restaurato la pellicola, distribuita in circa settanta sale italiane dal 12 Gennaio.

Dopo 2001: Odissea nello spazio e Arancia Meccanica, Kubrick manifesta la volontà di realizzare un film storico quanto più realistico possibile, quasi un documentario, per raccontare il 1700 attraverso le gesta di un avventuriero e arrampicatore sociale irlandese (Redmond Barry, interpretato da Ryan O’Neal), in un arco di tempo di trentacinque anni. Così, riadattando il romanzo Le Memorie di Barry Lyndon di William Makepeace Thackeray e utilizzando mirati espedienti cinematografici (la sola luce delle candele per gli interni e la totale assenza di profondità di campo), il regista ci trascina dentro un quadro del XVIII secolo, dirigendo una delle pellicole americane più significative e riuscite della storia del cinema -per quanto alla sua prima uscita il film non ebbe molto successo.
A confermare il valore del film, i quattro Oscar per la migliore fotografia, scenografia, per i migliori costumi e per la colonna sonora, che usa gli immortali geni di Händel, Mozart, Bach, Schubert e Vivaldi.

Per Kubrick non ci sono mezzi termini: o piace o non piace.
Chi non l’ha mai visto -ma vuole rimediare- non ha bisogno di ulteriori spoiler; chi, invece, è affezionato cultore del controverso regista potrà apprezzare l’opera restaurata in lingua originale, con sottotitoli italiani. Da lunedì, al cinema!

,

Rispondi