Londra / Un mare di papaveri rossi per ricordare il centenario della Prima Guerra Mondiale

Da ieri sera sono iniziate le commemorazioni legate al centenario dell’inizio della Prima Guerra Mondiale.
Luogo di una spettacolare installazione da oggi 5 Agosto all’11 Novembre di quest’anno è la Torre di Londra, il cui fossato sarà riempito con un vero e proprio mare di papaveri rossi in ceramica. 800.246 papaveri, per la precisione: uno per ogni soldato inglese caduto durante la Great War.

papaveri torre di londra kate william harry

1407234340824_wps_3_The_Duke_and_Duchess_of_C William, Kate ed Harry, a nome della Regina Elisabetta, hanno visitato stamattina l’incredibile e scenografica installazione, piantando anche loro un papavero ciascuno, come hanno fatto e continueranno a fare i volontari nelle prossime settimane.

papaveri torre di londra

Il colpo d’occhio è davvero incredibile, quasi come un corso d’acqua che pian piano si tinge di rosso. Se vi trovate a passare da Londra da oggi a Novembre non potete dunque non scattare una foto con questo mare di papaveri. E se la condividerete sui social ricordate l’hashtag #TowerPoppies!

I poppies possono essere acquistati a £25 ciascuno e il ricavato andrà devoluto alle organizzazioni che supportano i soldati, gli ex-soldati e le loro famiglie.

Ieri sera, inoltre, dalle 22 alle 23 molti edifici istutizionali e luoghi simbolici a Londra e in tutto il Regno Unito sono rimasti al buio lasciando solo una luce accesa, quasi come una candela davanti ad una finestra (come hanno fatto molti cittadini inglesi), per ricordare il momento in cui il primo Ministro di allora, Herbert Asquith, dichiarò l’entrata del Regno Unito nel conflitto, il 4 agosto 1914.
Vedere Piccadilly Circus, il Big Ben, Buckingham Palace, Downing Street o il London Eye al buio è davvero suggestivo e angosciante al contempo, non trovate?

,
One comment on “Londra / Un mare di papaveri rossi per ricordare il centenario della Prima Guerra Mondiale
  1. Pingback: Royals / Kate Middleton in Alexander McQueen e LK Bennett

Rispondi